Mi sento molto spesso rivolgere la domanda:“Può una pagina FACEBOOK sostituire un sito web aziendale?

La mia risposta è chiarissima: No di certo!

Aprire una pagina Facebook aziendale in sostituzione di un sito web è una pessima idea, e per una serie di buoni motivi. 

Eccone alcuni tra i più importanti:

  • Limitazione di personalizzazione della struttura della pagina Facebook: il tuo spazio è uguale a tutti gli altri;
  • Solo gli utenti che sono iscritti a Facebook vedranno il tuo spazio aziendale;
  • In molte attività gli accessi ai social tramite i computer aziendali sono bloccati: questi potenziali clienti non possono vedere le tue proposte e anche se fossero interessati sono perduti per sempre.
  • Sei in uno spazio altrui e resti in uno spazio altrui: la pagina Facebook con il nome della tua azienda non è tua, è solo in “prestito”, ciò significa che se chi dirige la baracca decide di cambiare improvvisamente regole e struttura può farlo e se decide di chiuderla da un giorno all’altro può farlo.  E tu non puoi farci nulla: hai perso i tuoi contatti, il tuo lavoro online… tutto.

Questo, sia ben inteso, non vuole essere uno scoraggiamento a utilizzare i social! Anzi! Se gestiti bene e con professionalità possono dare risultati straordinari. Ma non si può basare il  proprio lavoro e la propria presenza online solo su quelli. I social devono essere considerati accessori e casse di risonanza della vera presenza in rete: il sito aziendale.

A questo punto mi sento dire: “Sì ma Facebook è gratis!

Enorme errore di valutazione: Facebook non è gratis! Non lo è mai stato e non lo sarà mai.

Chi ha una pagina aziendale su Facebook per fare business non può contare sulla pubblicazione random di contenuti a caso, senza una strategia, senza personale specializzato che se ne occupi e senza campagne a pagamento (Facebook ADS) ragionate e mirate. E queste sono tutte cose che richiedono un investimento in denaro, pena l’invisibilità della tua pagina aziendale  con nessuna interazione da parte di pubblico davvero interessato e nessun ritorno.

Chi ha un profilo personale  su Facebook può utilizzare la piattaforma gratuitamente  (inteso senza pagamento “in denaro”),  ma in cambio fornisce preziosissimi dati agli inserzionisti.

Infatti gli iscritti quando interagiscono con condivisioni, commenti o like a pubblicazioni altrui oppure pubblicano propri testi, video e immagini, forniscono alla piattaforma molteplici informazioni sui propri gusti e preferenze, che saranno poi utilizzate dalle varie aziende per le loro inserzioni pubblicitarie (le campagne a pagamento di cui sopra).

Nulla è gratis: se pensi di ricevere qualcosa senza versare denaro
in realtà qualcuno lo ha pagato per te oppure lo stai pagando in altro modo.

E non dimenticare un fattore importantissimo: se per comunicare con i tuoi clienti attivi o potenziali pensi che non valga la pena investire tempo e denaro, ma speri in una soluzione “gratis” allora non solo non riceverai nulla in cambio, ma perderai anche di credibilità e visibilità a vantaggio dei tuoi diretti concorrenti che hanno invece investito nella giusta comunicazione online, comprendendo l’immensa importanza del web per le imprese.

Prendi sul serio la tua clientela se vuoi la sua fiducia: è l’unico modo per ottenere risultati concreti.

Foto: pixabay

Condividi

questa pagina con i tuoi contatti